È morto Alfredo Iorno, storico sindacalista della Cgil calabrese

Alfredo Iorno
Alfredo Iorno

Si è spento, dopo una lunga malattia, Alfredo Iorno, sindacalista della Cgil. Nel sindacato ha ricoperto la carica di segretario generale di Catanzaro e di segretario regionale della Funzione pubblica Cgil. 

La redazione di Calabria Magnifica.it, con a capo il direttore responsabile, Luigi Mussari, si unisce al dolore della sua famiglia per questa grave perdita.

Di seguito il ricordo della segreteria provinciale della CGIL Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo di Alfredo Iorno, sindacalista della CGIL scomparso ieri:

“E’ difficile trovare le parole per salutare un amico, un compagno di mille battaglie, nella consapevolezza che non potremo più condividere il cammino impervio ma intenso della tutela dei diritti dei lavoratori, se non alzando lo sguardo al cielo e cercando nella memoria momenti e valori che rappresentano l’eredità di chi ci ha lasciati. Alfredo Iorno era una persona perbene, un mediatore, un uomo buono e generoso. Era un fautore del dialogo e dei toni pacati per il perseguimento dell’obiettivo: portare a casa il risultato nell’interesse prioritario delle donne e degli uomini che con il proprio sacrificio e il proprio impegno cercano quotidianamente di fare della Calabria una terra migliore, anche a costo della propria vita.

Alfredo è stato un grande sindacalista e un grande formatore: alla segreteria provinciale e alla Funzione pubblica di Catanzaro, pezzo importante di quello che è diventato l’Area Vasta, ha dedicato grande passione e professionalità, lasciando un segno indelebile nel nostro cammino condiviso. Nello stesso tempo ha saputo trasmettere capacità, spessore umano e professionale ad una nuova generazione che è cresciuta seguendo le sue orme sapienti e solide. Come dire addio ad Alfredo? Impossibile. Con il suo garbo e il suo sorriso mite ci ha lasciato in un giorno che amava, e che per lui aveva un significato profondo e sempre attuale: il Primo Maggio. E in questo modo ci ha lasciato il dono di celebrarlo ogni anno, perché lui continuerà a commemorarlo con noi. Alla moglie e ai figli, e a chi gli ha voluto bene come noi, un immenso abbraccio”.