Operazione “Errore fatale”: in manette i vertici del clan Mancuso (VIDEO)

La Polizia di Stato, a conclusione di complesse indagini, svolte dalle Squadre Mobili di Vibo Valentia e Catanzaro e dal Servizio Centrale Operativo di Roma, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, dalle prime ore di stamane, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 4 soggetti, ritenuti responsabili del tentato omicidio di Francesco MANCUSO e dell’omicidio di Raffaele FIAMINGO, avvenuto a Spilinga nel luglio 2003, e considerati al vertice della ‘ndrangheta vibonese.

Quasi 50 uomini stanno eseguendo arresti e perquisizioni a Vibo Valentia, Milano e Prato.

Le attività d’indagine, supportate anche da dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia, hanno permesso di accertare che l’omicidio era maturato per contrasti insorti nella gestione delle attività criminali tra i componenti della famiglia MANCUSO – in particolare la fazione capeggiata da Ciccio MANCUSO, alias Tabacco, e quella guidata da Cosmo MANCUSO, alias Michele.

“Sono fiero di essere il Questore di Vibo Valentia perché qui ci sono risorse per lavorare. L’operazione di oggi, dopo pochi giorni da quella che ha smantellato la cosca dei Piscopisani, colpisce il cuore dei Mancuso. Tutto questo grazie agli uomini ed alle donne della Polizia di Vibo Valentia, di Catanzaro e dello SCO.E grazie alla Procura Antimafia di Nicola Gratteri”. Queste le parole del Questore Andrea Grassi all’inizio della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina presso la Questura di Vibo Valentia alla presenza del Procuratore Capo di Catanzaro dott. Nicola GRATTERI e dei vertici investigativi.