Nuovo Cdu, sicurezza: “Non basta l’impegno delle forze di Polizia”

Controlli Viale Isonzo 222 Catanzaro
Controlli su Viale Isonzo, Catanzaro

Nota stampa di Vito Bordino,coordinatore provinciale di Catanzaro e Rossella Trapasso, coordinatore comune di Catanzaro del nuovo CDU

Il segretario nazionale della Federazione del Sindacato di Polizia, Giuseppe Brugnano, ha rilanciato con forza la “questione sicurezza” nella città di Catanzaro. Non è la prima volta che Bugnano sollecita  a prendere coscienza della insostenibilità della situazione nella zona sud di Catanzaro dove si fa sempre più invasiva la illegalità. Le forze di polizia e la magistratura operano con grande professionalità e con abnegazione. Ma tutto questo non è sufficiente se non c’è una corale presa di coscienza e una ampia  mobilitazione. Un impegno deciso, quindi,delle forze sociali, dei movimenti politici, delle realtà culturali, dei professionisti,  delle categorie produttive. Una assunzione  di responsabilità da parte di tutti per contrastare un fenomeno che umilia la storia di Catanzaro e non solo. Bisogna rompere gli intrecci criminosi, i santuari di organizzazioni mafiose che trovano soprattutto nella zona sud di Catanzaro ed  in altri territori il terreno fertile  per azioni criminose.Va affermata la cultura della legalità nella città capoluogo di regione per essere riferimento per la Calabria tutta. Inerzie, disattenzioni, complicità, coperture e silenzi non possono essere più  tollerati. Le forze di polizia non possono essere lasciate sole nell’azione di contrasto. La sicurezza, la qualità della vita riguarda tutti e ognuno deve fare la propria parte. Il sindacato di Brugnano ha lanciato una sfida. Bisogna raccoglierla. Il Ministro dell’Interno prolifico di parole deve assumere le decisioni conseguenti per dare alle forze dell’ordine gli strumenti,più uomini e mezzi. La sicurezza non passa solo dall’immigrazione. Richiede altro: una visione di ampio respiro che fino ad oggi questo governo ha ampiamente dimostrato di non possedere.