Università e “Aou Dulbecco” insieme per il futuro della salute in Calabria

AOU
AOU "Renato Dulbecco"

Un’intesa strategica tra l’UMG di Catanzaro e l’azienda ospedaliero-universitaria Dulbecco per la creazione di 14 dipartimenti integrati, promettendo un avanzamento significativo nell’assistenza sanitaria

CATANZARO, 14 GIU 2024 – Oggi, il rettore dell’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, Giovanni Cuda, e il commissario straordinario dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Dulbecco, Simona Carbone, hanno annunciato con soddisfazione l’accordo raggiunto sull’atto aziendale. Questo documento delinea l’organizzazione dettagliata dell’Aou Dulbecco, segnando un passo decisivo verso il miglioramento delle prestazioni sanitarie in Calabria.

L’intesa, giunta dopo un anno dalla firma del protocollo d’intesa tra la Regione e l’Università, è il frutto di una stretta collaborazione tra le istituzioni coinvolte. L’atto prevede l’istituzione di 14 Dipartimenti, equamente suddivisi tra Dipartimenti assistenziali e Dipartimenti ad attività integrata. Ogni Dipartimento sarà caratterizzato da un’integrazione sinergica tra unità operative universitarie e ospedaliere, mirando a massimizzare le competenze e migliorare l’assistenza offerta alla popolazione.

Il professore Cuda e la dottoressa Carbone hanno lavorato con determinazione per garantire che ogni Dipartimento rappresenti un modello di eccellenza, beneficiando dell’unione delle competenze cliniche e accademiche. Nel loro comunicato congiunto, esprimono gratitudine al Presidente della Regione Calabria, Onorevole Roberto Occhiuto, anche Commissario Ad Acta per la Sanità, per il supporto fondamentale che ha agevolato il raggiungimento di questo importante traguardo.

Questo accordo non solo consolida il legame tra Università e sanità regionale ma promette anche di innalzare il livello qualitativo dei servizi offerti, ponendo l’Aou Dulbecco all’avanguardia nell’ambito della cura e della ricerca medica in Italia.

LEGGI ANCHE: Il consiglio medico di Catanzaro si oppone all’atto aziendale