Virtus Francavilla-Catanzaro termina 1-1: Zenuni risponde a Fazio

Virtus Francavilla
Virtus Francavilla Us Catanzaro

VIRTUS FRANCAVILLA- CATANZARO   36 Fazio 42 Zenuni

VIRTUS FRANCAVILLA (3-5-2) : Crispino; Delvino, Sparandeo, Pambianchi; Giannotti, Di Cosmo (78’ Mastropietro), Zenuni (78’ Castoriani), Franco, Nunzella, Perez, Ekuban (78’ Vazquez). All. Trocini. A disp: Costa, Sarcinella, Celli, Carella,  Pino, Buglia, Tchetchoua, Calcagno, Puntoriere

CATANZARO (3-4-1-2) : Branduani; Riccardi, Fazio, Martinelli; Casoli, Verna (87’Altobelli), Risolo, Contessa; Carlini (77’Di Piazza); Curiale (61’ Evacuo), Di Massimo (87 Baldassin). All. Calabro. A disp: Iannì, Di Gennaro, Corapi, Salines,  Riggio, Evan’s, Pinna,  Garufo.

Arbitro: Tremolada di Monza

Ammoniti: Delvino Zenuni, Curiale, Riccardi, Mastropietro, Altobelli,Castorani

Per la giornata n. a Francavilla Fontana, allo stadio Giovanni Poalo ii, si sfidano la Virtus Francavilla e il Catanzaro.

Calabro si affida ai famosi noti con il solo cambio Curiale al posto di Evacuo.

Trocini si affida invece al duo di attacco Ekuban-Perez, con l’albanese Zenuni in cabina di regia, quindi Vazquez il gemello di Perez va in panchina.

In campo Pambianchi ex giallorosso, Risolo, ex bianco-azzurro, e Contessa nativo di Francavilla, manca nella squadra di casa il difensore Caporale..

I primi 15 minuti sono dominati dai padroni di casa con Ekuban incontenibile che crea al minuto 7 un bel grattacapo alla difesa giallorossa, oggi in maglia nera per scaramanzia, ma Branduani salva.

La spinta dei padroni di casa pian piano si esaurisce e Di Massimo, su lacio di Martinelli si lascia ipnotizzare da Crispino al minuto 20.

La partita diviene molto equilibrata e combattuta, e proprio per questo i portieri non corrono pericoli.

Al minuto 36’ il Catanzaro però passa, cross di Carlini e tocco di testa di Fazio che si infila sulla sinistra di Crispino, per il vantaggio aquile, che però al minuto 41 commettono una doppia ingenuità sempre con Casoli che prima ferma la palla in area di rigore con un braccio senza che l’arbitro sanzionasse il giusto rigore, quanto poi invece di liberare, sbaglia l’uscita consegnando la palla a Zenuni che un gran tiro trafigge Branduani per l’1-1.

Da dire che Zenuni due campionati fa al Ceravolo fece un gol identico.

Il secondo tempo vede un Catanzaro più propositivo e Di Massimo ha la palla del vantaggio, ma spreca dopo 5 minuti.

Ma dopo poco la pressione si spegne i cambi di Calabro non sortiscono effetto.

Tanti ammoniti e tanta battaglia ma nulla né da un lato né dall’altra.

Finisce con un pareggio giusto per quanto hanno fatto vedere le squadre in campo, ma forse le aquile hanno gettato al vento un’occasione.