Abramo a processo per Multopoli, Tallini invece per Multopoli e Catanzaropoli (VIDEO)

C’è anche il sindaco, Sergio Abramo (Forza Italia), tra le persone rinviate a giudizio dal Gup di Catanzaro Giovanna Gioia al termine dell’udienza preliminare scaturita dall’inchiesta “Multopoli” sui presunti illeciti legati all’annullamento di contravvenzioni per violazioni del Codice della strada.

Il processo è stato disposto anche per il comandante ed il vicecomandante dei vigili urbani, Giuseppe Antonio Salerno e Salvatore Tarantino, per il consigliere regionale Domenico Tallini – imputato in qualità di ex consigliere comunale- e per altre trenta persone. Abramo e Tallini sono accusati di abuso d’ufficio.

Tallini è stato rinviato a giudizio insieme ad altre 23 persone anche per l’inchiesta denominata “Catanzaropoli” sui presunti illeciti riguardanti l’attività del Comune di Catanzaro.

Appalti affidati senza una gara pubblica. Soldi per agevolare parenti di amministratori che per ottenerli avrebbero utilizzato lo strumento estorsivo, addirittura con  minacce di morte. Occhi chiusi sulle irregolarità edilizie in alcuni locali commerciali, nessuna sanzione, nessuna penale. C’è di tutto di più nell’inchiesta che era stata intrapresa dai pm Gerardo Dominijanni, oggi procuratore aggiunto a Reggio Calabria, e Graziella Viscomi.

 

Per Catanzaropoli ecco i nominativi di chi andrà a processo:

Massimo Lomonaco (ex assessore al Personale), Stefania Lo Giudice (ex assessore alla Pubblica istruzione), Giuseppe Antonio Salerno (comandante del corpo della polizia municipale), Domenico Tallini (consigliere comunale), Carlo Nisticò (consigliere comunale) Roberto Politi (dipendente del Comune), Giuseppe Cardamone (direttore dell’area tecnica del Comune), Rosaria Paola Barbuto (architetto), Carolina Ritrovato (dirigente del settore Lavori Pubblici del Comune di Catanzaro), Salvatore Sangiuliano e Maurizio Rafele agenti di cultura e spettacolo, Rita Cavallaro (assessore al Turismo), Francesco Eugenio Giovanni Lorenzo (fornitore), Anna Scutieri (vigile), Patrizia Verdoliva (vigile), Salvatore Tarantino (maggiore), Raffaele Luigi Riso (colonnello, medico militare), Salvatore Megna (titolare esercizio commerciale a Lido), Luciano Paparazzo, Pietro Folino (architetto), Gianmarco Plastino (architetto), Salvatore Mauro (titolare di un esercizio commerciale), Giuseppe Curcio (vigile), Emilia Laureana (vigile).