Codacons: “L’Università di Catanzaro è in provincia di Napoli”

Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini di Catanzaro,Umg Catanzaro iscrizione corsi alta formazione
Azienda Ospedaliera Universitaria Mater Domini di Catanzaro

Al Codacons va riconosciuto il merito di aver spostato il dibattito dai tristissimi paletti alla vergognosa chiusura delle scuole di specializzazione. Certo, dopo la  denuncia, è venuto giù un diluvio. Finanche il Magnifico Rettore ha dovuto cospargersi il capo di cenere e dichiarare di non aver avuto il tempo per provvedere alle nomine. Ma il problema reale, o meglio, quello che riteniamo sia il vulnus della nostra Università – sostiene Francesco Di Lieto del Codacons – sembra destinato a restare ai margini del dibattito. Del resto non si è registrata smentita alcuna quando abbiamo affermato che <<si è giunti a preferire la “chiusura” di una Scuola di Specializzazione pur di non riconoscere le capacità di una Calabrese>>. Ed allora cerchiamo di essere quanto più chiari possibile. L’Università di Catanzaro è in provincia di Napoli. Se un tempo la Magna Graecia fu una colonia dai Greci, oggi è saldamente in mano alle “baronie” del Regno di Napoli. Hanno rubato, e continuano a rubare, il futuro ai nostri ragazzi – sostiene Di Lieto – e noi stiamo ad elemosinare il riaccreditamento delle strutture. E’ umiliante dover assistere ad una occupazione di ogni spazio all’interno dell’Ateneo. Ed è avvilente come in questi decenni non si sia fatto nulla per spezzare le catene dei “Baroni” che impediscono alle professionalità locali di emergere. L’Università e le Scuole di specializzazione devono offrire non soltanto una migliore formazione agli specializzandi ma anche un servizio ai calabresi, mentre a Catanzaro sono ridotti a dei “poltronifici” ad uso e consumo dei “neocolonizzatori”. Ci saremmo aspettati, dopo la nostra denuncia – conclude Di Lieto – , un corale “Giù le mani dall’Università”, eppure sull’invocata “calabresizzazione” dell’Ateneo è sceso il silenzio. Del resto, la circostanza che l’Università non abbia ancora ritenuto di “regalare” ai calabresi un servizio di Pronto Soccorso, la dice lunga sull’attenzione dell’Ateneo per i bisogni dei cittadini.