Sbarco migranti Sellia Marina, Sindaco Mauro:” Accogliere è un dovere”

Queste le dichiarazioni rilasciate a Calabria Magnifica.it dal Sindaco del Comune di Sellia Marina Francesco Mauro

C’è stato lo sbarco nella notte di oltre 70 migranti, compresi minori, di origine pachistana, giunti sul litorale di Sellia Marina a bordo di una barca a vela.

Ai microfoni di Calabria Magnifica.it parla il Sindaco Del Comune di Sellia Marina, Francesco Mauro che spiega:” Si è attivato il protocollo di rito. Sono stato avvisato dai Carabinieri che con molta professionalità, sin da stanotte, hanno coordinato le operazioni con il supporto della Polizia. Ci sono i funzionari della Prefettura di Catanzaro, il 118 per le prime visite sanitarie, che si stanno già svolgendo“. Prosegue il Sindaco – ” la Parrocchia, insieme al Comune hanno predisposto l’accoglienza per quanto riguarda i beni di prima necessità. I ragazzi, quasi tutti giovani, hanno fatto colazione e aspettano comunicazioni dalla Prefettura per il loro ricollocamento”. Aggiunge Francesco Mauroci sono alcuni minori e quindi c’è una procedura più attenzionata”.

Lo stato di salute dei profughi

Il Sindaco, Francesco Mauro, assicura che è tutto sotto controllo e che è stata constatata dalle prime visite mediche solo qualche contusione tra alcuni migranti. In merito, invece, all’approccio politico sulla problematica degli sbarchi dei migranti nel nostro paese, ha dichiarato che:” non ci deve essere una differenza di approccio politico rispetto a questo problema. È un dovere accoglierli e ascoltarli, poi saranno le forze dell’ordine e la Magistratura a constatare i requisiti dei profughi per la permanenza in Italia”. Aggiunge poi: “sono persone che vengono da guerre, da torture e da violenza, non possiamo chiudere gli occhi e dobbiamo aprire i cuori.

L’aspetto umanitario

Il parroco di Sellia Marina, Don Cosentino, sulla situazione e gestione dei migranti rammenta che proprio qualche giorno fa c’è stata la giornata sul Migrantes – del Rifugiato ed è stato accolto l’invito del Papa: “Siamo stati a Roma, a questa manifestazione voluta dal Santo Padre e adesso siamo qui a toccare con mano – ero forestiero e mi avete ospitato, ero nudo e mi avete vestito, affamato e mi avete dato da mangiare – “.